Coach Esposito: al progetto baby basket non ho potuto dire no.

La passione per il basket e la voglia di trasmettere alle nuove generazioni l’amore per questo sport. Gli obiettivi e le parole di Coach Ferdinando Esposito sul progetto Baby Basket.

“Sono allenatore di base FIP, istruttore nazionale giovanile FIP, istruttore CAS – Centri Avviamento allo Sport del CONI.
Ho iniziato a giocare da piccolo, ma non prestissimo – ho saltato tutto il minibasket – per poi giocare a basket fino alla serie C2.
Nel lontano 1994 ho iniziato anche la “carriera” di allenatore, prima aiutando il mio Coach dell’epoca con le categorie minibasket nella società dove giocavo, poi acquisendo competenze e qualifiche varie, arrivando ad allenare fino alla serie D.


La passione per la pallacanestro è rimasta invariata in tutti questi anni, così come la voglia di trasmettere questa passione alle nuove generazioni. Ecco perchè quando si è presentata l’occasione di un progetto così innovativo e incentrato verso i più piccoli com’è il Baby Basket, non ho potuto dire di no.

Con pazienza noi istruttori proviamo ogni giorno ad insegnare ai bambini non tanto regole e movimenti, ma i valori dello sport e della pallacanestro in particolare: essere parte di un gruppo (socialità e complicità), giocare/lavorare per raggiungere un obiettivo (che sia individuale o di squadra), rispettare sempre compagni ed avversari, essere responsabili per se e per i compagni.
Il tutto sotto forma di attività ludica, come deve necessariamente essere quella proposta nella fascia d’età 3-6 anni.
Un percorso lungo e non facile, ulteriormente complicato dalla situazione contingente, ma proprio per questo ancor più importante e stimolante da affrontare.”

Questo sito utilizza i cookie per offrirti una migliore esperienza di navigazione. Navigando su questo sito, accetti tale utilizzo dei cookie.